SOS Villaggio del Fanciullo di Trento


Vai ai contenuti

Menu principale:


Progetti Q4C

I nostri servizi

Q4c

Il progetto di definito children, adottato a livello europeo da SOS Children's Villages, consiste appunto nell'elencazione di che riguardano le tre fasi attraverso cui solitamente viene descritta l'articolazione di un intervento di accoglienza: ammissione, presa in carico e dimissione del bambino o ragazzo. Per ogni fase vengono esplicitate delle linee guida (gli “standard”) che a loro volta sono poi declinate in puntuali procedure accompagnate da appropriata documentazione.degli obiettivi legati alla implementazione di questi è, per il nostro Villaggio, quello di arrivare ad una più corretta attuazione dei progetti di affido, così come previsti dalla normativa nazionale. La legge nazionale prevede che l'allontanamento del bambino dalla propria famiglia debba avere carattere di temporaneità e al tempo stesso essere orientato ad un suo rientro presso i genitori.Villaggio ha ritenuto che questi due aspetti, che potremmo definire anche obiettivi posti dal legislatore, possano realizzarsi nel momento in cui famiglia e bambino siano concretamente accompagnati verso di essi: si sono attivati per questo due interventi:


  • Nel percorso di rientro in famiglia sì è ritenuto possibile il passaggio del bambino o del ragazzo da una accoglienza al Villaggio in forma residenziale ad una accoglienza in forma diurna, rimanendo per altro egli nella stessa casa in cui era stato accolto fin dall'inizio e mantenendo quindi le relazioni costruite in seno ad essa. Questo intervento porta rispettivamente ad una gradualità nel potersi riabituare a vivere assieme, consente un maggior confronto fra genitori ed educatori e permette che per un certo tempo alcune funzioni temporaneamente meno accessibili per i genitori possano ancora essere svolti dagli educatori (ad esempio l'affiancamento al bambino nell'esecuzione dei compiti scolastici).


  • Educativa domiciliare: sempre nella fase di rientro a casa presso i propri genitori è possibile attivare un progetto di accompagnamento del bambino all'interno della propria famiglia da parte di un educatore del Villaggio che li sostiene nella relazione con i propri genitori e favorisce lo sviluppo di competenze genitoriali. In questo caso l'intervento è centrato sul dare continuità all'interno della famiglia a quelle regole, abitudini, comportamenti che si era cercato di trasmettere al bambino durante la sua permanenza al Villaggio e nell'aiutare i genitori a vederne la validità ed a rendersi capaci di richiederli a loro volta ai propri figli.

Home Page | Chi siamo | I nostri servizi | Metodologia | Rapporti col territorio | Come aiutarci | Servizio civile | News | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu