SOS Villaggio del Fanciullo di Trento


Vai ai contenuti

Menu principale:


Sciarpalonga in immagini

News





La Sciarpalonga in immagini


Sabato 8 novembre, nell’accogliente Teatro delle Garberie in piazza del municipio a Pergine è stato presentato il libro fotografico “La Sciarpalonga, ricordi sul filo di lana”. A distanza di qualche anno dall’iniziativa l’associazione Auser che ne è stata la promotrice ha pensato di darne in questo modo continuità.


Per dare corpo alla sciarpa più lunga del mondo (tre chilometri e centocinquanta metri) si sono impiegati mille e cento chilometri di filato (quattro quintali e mezze il peso) lavorati da 350 persone che hanno “sferruzzato” per venticinquemila ore. Basterebbe questo per sentire il bisogno di fare ricordo di questo bel momento. Come hanno ricordato i responsabili dell’Auser e le autorità intervenute all’incontro ciò che va sottolineato è però che la Sciarpalonga è stata occasione per mettere in rete diverse realtà del territorio, in modo trasversale (dai bambini agli anziani, donne e uomini, professionisti di ogni genere che hanno dedicato tempo, più d’uno affrontando anche l’impasse… di non saper “sferruzzare” ed imparando a farlo nella circostanza) ed attraverso un coordinamento efficace facendola così diventare un evento di comunità. L’evento infatti c’è stato in occasione della “Festa granda” di Pergine quando oltre cinquecento persone hanno aiutato a srotolare per le vie l’immensa sciarpa che così ha stretto simbolicamente la comunità in un caldo abbraccio di solidarietà reciproca.

Solidarietà c’è stata anche verso l’esterno, “affinchè il calore dei sentimenti che l’anno generata (la sciarpa) possano diventare un abbraccio caldo per chi ne ha bisogno”: così, in occasione dei mercatini natalizi di Pergine la “Sciarpalonga” si è trasformata in una infinità di sciarpe “normali” che sono state acquistate nel giro di poche giornate. Risultato dell’operazione: oltre seimila Euro di ricavato che gli organizzatori hanno destinato al nostro Villaggio. Insieme a loro abbiamo ragionato su come investire la significativa cifra: si è deciso di realizzare una sala musicale – nell’ambito degli spazi previsti per le attività di animazione – che ha iniziato ad arricchirsi di strumenti vari, strumenti che sono stati subito “assaliti” da bambini e ragazzi. Qualcuno ci ha provato soltanto; qualcun altro si è inoltrato – grazie all’affiancamento di volontari – nell’impratichirsi in uno strumento; altri hanno voluto esercitarsi per un karaoke che è entrato nel programma dei festeggiamenti per il Cinquantesimo del Villaggio; altri infine, ex ragazzi, amici ed operatori, hanno costituito una piccola band che ora ci accompagna nei nostri vari momenti di festa e che diventa occasione di incontro fra chi il Villaggio lo porta nel cuore ma fisicamente non ci vive più e chi attualmente ci vive magari facendo fatica… a portarlo nel cuore perchè ancora preso nelle varie difficoltà che la vita gli ha messo sulla strada.


Tutto questo ha ricordato il Presidente del Villaggio, dott. Demattè, nell’incontro al Teatro delle Garberie, ringraziando ancora la comunità perginese e l’Auser per l’attenzione posta nei nostri confronti. Il libro è in vendita presso l’Auser perginese: il ricavato andrà a sostenere altre iniziative di solidarietà.

Home Page | Chi siamo | I nostri servizi | Metodologia | Rapporti col territorio | Come aiutarci | Servizio civile | News | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu