SOS Villaggio del Fanciullo di Trento


Vai ai contenuti

Menu principale:


Tavolo 0-18

News

Tavolo 0 – 18:
anniversario della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza


0–18 è un tavolo costituito alcuni anni fa cui aderiscono l’Ufficio Politiche sociali del Comune di Trento, il Punto Famiglie, l’Appm Onlus, la Comunità Murialdo, la Cooperativa sociale Arianna, la Cooperativa sociale Caleidoscopio, la Cooperativa sociale Progetto ’92, l’Associazione Si minore, l’Associazione Agevolando, il Comitato Provinciale di Trento per l’Unicef ed il SOS Villaggio del Fanciullo.

Prende spunto dall’anniversario della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (20 novembre) per realizzare iniziative di sensibilizzazione e di promozione sociale, civile e culturale. Sempre più queste iniziative, interessanti e valide in se stesse diventano in realtà occasione per lunghi tragitti condivisi nel corso dei quali si intrecciano significative relazioni, si mettono a confronto esperienze ed idee, si costruisce qualche cosa che va al di là dell’evento pubblico.

Quest’anno la grande novità è stata quella di includere nel percorso quelli che solitamente vengono chiamati gli “utenti” dei vari servizi, scoprendo invece insieme ad essi una soggettività profonda, estremamente necessaria a far sì che ogni intervento, ogni pensiero, ogni proposta possa veramente definirsi completa.

Sono state due le proposte elaborate per la giornata del 20 novembre.

Al mattino, presso il Polo sociale dell’Argentario, c’è stato un laboratorio cui hanno preso parte tutti gli assistenti sociali del Comune, i rappresentanti delle varie organizzazioni, le mamme di alcuni bambini/ragazzi accolti in comunità e ragazzi che hanno fatto a loro volta l’esperienza della comunità. Ha introdotto l’incontro, con un’approfondita ed aggiornatissima riflessione, Franco Floris, direttore della rivista Animazione Sociale edita dal gruppo Abele di Torino. Sempre Franco Floris ha successivamente moderato l’attività del laboratorio. Il tema messo a fuoco era quello della famiglia di origine come soggetto attivo e protagonista nella rete dei servizi a lei destinati. Sono state presentate alcune attività innovative:

  • Gruppo di incontro per genitori i cui figli sono temporaneamente in affido (Servizi del Comune di Trento e Comunità Murialdo);
  • Family group conferences (Servizi del Comune di Trento);
  • Residenzialità familiare (Servizi del Comune di Trento e SOS Villaggio del Fanciullo);
  • Modalità di accesso partecipato ai centri diurni (Servizi del Comune di Trento e Comunità Murialdo);
  • Modalità di stesura documenti partecipata ai genitori (Servizio sociale dell’Argentario).


Dopo la presentazione di queste iniziative i presenti si sono suddivisi in gruppi di lavoro le cui conclusioni sono state sintatizzate in dieci “affermazioni” dal moderatore. Verranno successivamente presentate nelle opportune sedi.

Al pomeriggio, presso una affollatissima sala Falconetto del Comune di Trento (malgrado siano state previste due proiezioni) è stato presentato un video realizzato con la partecipazione di ventiquattro associazioni trentine ciascuna delle quali ha presentato “a suo modo” uno dei diritti enunciati nella Convenzione. Due ragazze del Villaggio hanno presentato il diritto a “Non vergognarsi nel chiedere aiuto”. La realizzazione del video, che ha richiesto alcuni mesi di intenso e sinergico lavoro, è stata occasione di ampio coinvolgimento di varie realtà del nostro territorio. All’incontro erano presenti il Sindaco, dott. Andreatta, l’Assessora alle Politiche sociali dott.ssa Franzoia e la Garante per l’infanzia dott.ssa Longo.


Home Page | Chi siamo | I nostri servizi | Metodologia | Rapporti col territorio | Come aiutarci | Servizio civile | News | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu