SOS Villaggio del Fanciullo di Trento


Vai ai contenuti

Menu principale:


The Italian Job

News

The Italian Job al Villaggio


Mentre alcune parole escono dal nostro vocabolario o vengono assumendo significati diversi, altre si affacciano e si impongono come novità cariche di implicazioni, spesso "importate" da fuori, come ad esempio job… The Italian Job non corre il rischio di essere male interpretato, trattandosi della sigla di una iniziativa, nata in tempi "non sospetti" a scopo di solidarietà.
The Italian Job nasce in Inghilterra a partire dagli anni 90. Collegandosi al celebre film del '69 con Michael Caine nel quale si narra la storia di un "colpo italiano" ambientato a Venezia e di una fuga a bordo di una Mini, gli jobbers inglesi uniscono la passione condivisa per questa mitica vettura (sfilando con modelli d'epoca o recentissimi) con quella per i viaggi e per la solidarietà. Si sono costituiti in associazione no profit e, fra le varie iniziative, promuovono annualmente un "raid" in Trentino con l'obiettivo di realizzare una serie di "furti" nelle locali cantine per poi, rientrati nella terra di origine, mettere all'asta la "refurtiva" realizzando con il ricavato interventi a sostegno di chi è meno fortunato.
Così da venerdì 24 a domenica 26 ottobre una sessantina di equipaggi inglesi si è presentata sulle strade della nostra Provincia per compiere il suo "dovere": intenso il calendario dei vari appuntamenti dentro il quale è stato previsto il tradizionale "passaggio" al Villaggio, in questo caso non per "rubare" ma per lasciare un significativo segno di solidarietà. Al pomeriggio di sabato 25 le sessanta "Mini" dei "fuorilegge" hanno invaso il nostro piccolo campo da calcio rombanti e strombazzanti. Ad accoglierle c'era il Presidente del Villaggio, dott. Giuseppe Demattè, ma soprattutto un nugolo di bambini e ragazzi dapprima incuriositi, poi, preso via via coraggio, trasformati in intrepidi piloti (di vetture con motore assolutamente spento e freno a mano tirato). Come sempre in questi casi, la lingua non ha impedito un fitto scambio comunicativo. Il pomeriggio è trascorso veloce e sereno lasciando a tutti un piacevole ricordo. Aspettiamo questi "fuorilegge dal cuore buono" per la prossima edizione di The Italian Job.

Home Page | Chi siamo | I nostri servizi | Metodologia | Rapporti col territorio | Come aiutarci | Servizio civile | News | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu